Deambulatori per anziani focus su incentivi e detraibilità

4 maggio 2016 0 Commenti Attualità 638 Visualizzazioni
Deambulatori per anziani focus su incentivi e detraibilità

Sono uno dei 100 ausili tecnici di maggiore priorità e bisogno individuati dall’OMS, e per il loro acquisto sono previsti incentivi e detrazioni: andiamo a scoprire quali sono gli effettivi vantaggi dei deambulatori per anziani.

Agli inizi di questo 2016, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha lanciato un sondaggio online rivolto a tutta la popolazione mondiale, destinato a stilare una lista di Ausili Tecnici Prioritari, che dovrebbe poi servire come guida anche alle azioni dei vari Paesi in ambito di sanità e assistenza. In questo elenco di cento voci, un’attenzione particolare è dedicata ai girelli, che vengono quindi inseriti nel novero degli strumenti più indispensabili, soprattutto per gli anziani con problemi di deambulazione.

Acquisto oculato. Attualmente, e specialmente per l’influenza di film statunitensi, nel nostro immaginario questi accessori sono frequentemente abbinati alla routine dei centri specializzati per anziani o all’utilizzo in interni domestici, ma in realtà sono sempre più numerose le persone che si rendono conto di quanto importanti si possano rivelare nella vita di tutti i giorni, e anche in esterna. Merito anche della diffusione di siti web che propongono la vendita di questi prodotti elettromedicali a prezzi convenienti, come ad esempio Medisan Shop, uno dei portali leader in Italia, con la sua estesa proposta di deambulatori per anziani e optional per arricchirli.

Definizioni di base. Come si legge nel documento dell’Oms, i deambulatori o girelli (ma anche rollator) si distinguono in due macro categorie, ovvero quelli che presentano le ruote e quelli che, invece, non ne hanno. In realtà, sono sempre più numerosi i prodotti che vengono dotati almeno di due rotelle anteriori, specialmente se il materiale di costruzione è l’acciaio, che si rivela più pesante e difficoltoso da sollevare per la persona anziana. Comunque, la definizione è simile per entrambe le tipologie: i rollator sono ausili che aiutano la persona a mantenere la stabilità e l’equilibrio durante il cammino o a tenere la stazione eretta, attraverso impugnature per le mani e puntali (per i modelli in alluminio) o appunto ruote.

Imparare a risparmiare. Secondo l’Oms, attualmente in tutto il mondo servono e sono usati più di un miliardo di ausili tecnici in generale, e la cifra è destinata a raddoppiare entro il 2050 a causa del progressivo innalzamento dell’età media della popolazione. Tuttavia, è ancora l’importante organizzazione a sottolineare come solo un decimo di queste persone riescano ad avere accesso a questi strumenti, che permetterebbero loro di migliorare le proprie condizioni di vita. In genere, la difficoltà maggiore è quella economica, e non serve pensare solo ai Paesi del Terzo Mondo, perché la crisi ha dimostrato come anche in Italia esistano ancora larghe sacche di povertà. Condizione che, spesso, si abbina anche alla mancanza di informazioni che, invece, potrebbero offrire un supporto utile.

Incentivi e detrazioni. Ci spieghiamo meglio: non tutti infatti sono a conoscenza della possibilità di poter avvantaggiarsi di specifici interventi che lo Stato offre per chi soffre di patologie e necessita di cure e acquisti particolari. Ad esempio, in fase di denuncia dei redditi è possibile detrarre un’aliquota del 19 per cento delle spese sostenute nell’anno precedente per acquistare le necessarie protesi e gli ausili indispensabili agli anziani o ai malati. Per ottenere questa importante misura è ovviamente indispensabile possedere e presentare alcuni documenti, tra cui la prescrizione medica e la fattura del prodotto acquistato per il disabile, oltre a eventuali atti aggiuntivi a richiesta degli uffici competenti. Inoltre, già in fase di acquisto c’è un vantaggio immediato, perché la normativa attuale prevede una tassazione agevolata per quanto riguarda l’Iva, che viene applicata al 4 per cento nel caso di sussidi tecnici, sanitari e informatici, tra i quali rientrano appunto i deambulatori per anziani (oltre ad altri strumenti come carrozzine, materassi speciali e letti ortopedici), anziché quella al 22 per cento che invece è valida per altri prodotti.

Articoli correlati

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Lascia un commento

Codice di verifica: