La lavorazione del cuoio, tra storia e artigianato ” indianini Hector “

8 agosto 2017 0 Commenti Moda 93 Visualizzazioni
La lavorazione del cuoio, tra storia e artigianato ” indianini Hector “

Gli stivali indianini Hector sono un must have per ragazze e donne giovani non solo per la loro seducente praticità ma anche per il loro stile casual e versatile. Ma da dove nasce il valore del pellame utilizzato? L’importanza del cuoio dall’età primitiva ad oggi.

Il trattamento della pelle è un procedimento molto antico, che risale all’età preistorica quando le pelli venivano utilizzate per ripararsi dagli agenti atmosferici.

Fin dalle civiltà primitive, gli uomini che popolavano la terra non sarebbero sopravvissuti alle rigide condizioni climatiche senza l’utilizzo delle pelli di animali. Infatti grazie a molti reperti storici si è potuto constatare che le pelli erano usate per gli oggetti più comuni più di 5000 anni fa.

Già dal medioevo invece, il cuoio veniva usato in modo molto più semplice e soprattutto negli utilizzi più quotidiani. Infatti grazie all’avvento delle stoffe, il cuoio venne sostituito con tessuti più facili da lavorare e meno difficili da reperire.

Un ulteriore utilizzo del cuoio era quello nel settore bellico. Qui si spaziava da oggetti come foderi per spade e daghe, rivestimenti di scudi e parti di armature quali elmetti, guanti, protezioni da inserire sotto le armature. Gli antichi guerrieri romani e greci utilizzavano il cuoio molto duro per costruire scudi e corazze.

La pelle, originariamente, era ricavata solo dagli animali frutto di battute di caccia e, successivamente, anche dagli animali di allevamento, riciclando un materiale considerato di scarto nella catena alimentare.

Gli utilizzi più comuni del cuoio erano mirati alla realizzazione degli accessori dell’abbigliamento come borselli da cintura, borse a tracolla, grembiuli da lavoro destinati ad artigiani, cinture ecc..

Durante il Rinascimento, l’arte di lavorare e decorare il cuoio ebbe un notevole sviluppo. L’uso del cuoio era ampiamente diffuso anche per produrre manufatti di uso più popolare, come per esempio calzature, che restavano, tuttavia, un manufatto piuttosto costoso, non accessibile a tutti.

Le pelli, prima di essere utilizzate, necessitano di un accurato trattamento per evitare che il prodotto vada in putrefazione ad alte temperature o si irrigidisca alle basse temperature. La “concia della pelle” è il processo lavorativo che si deve seguire per evitare questi inconvenienti.

indianini-hector-riccioneOggi la lavorazione del pellame è prodotto con sistemi più moderni e adeguati alla grande richiesta del mercato. Pelle e cuoio sono utilizzati per un gran numero di articoli, pur restando l’industria calzaturiera la destinazione principale. Infatti è il materiale più richiesto da stilisti e creativi per la produzione dei propri articoli, realizzati da artigiani ad hoc e prodotti interamente a mano, come gli Indianini Hector.

Negli ultimi anni la moda degli indianini originali è esplosa in tutta Europa e oltreoceano. Nel suo laboratorio artigianale, Hector, artigiano e designer di Riccione, utilizza esclusivamente materiali di primissima scelta. Cura personalmente la rifinitura e la selezione dei pellami e ha creato la particolare suola, resistente e idrorepellente, che distingue il suo stivale dalle imitazioni. Tutti i modelli sono cuciti e borchiati rigorosamente a mano. Dai un’occhiata agli indianini online sulla pagina https://www.hector-riccione.com/it/content/8-indianini-originali

Hector crea collezioni limitate originali e uniche.

Fonte: Hector-Riccione

A CURA DI / PRESS OFFICE
———————————–
Maria Chiara Turino – Ufficio Stampa Guest.it

Articoli correlati

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Lascia un commento

Codice di verifica: