L’integrazione nel ciclismo, efficace se rispettiamo i giusti equilibri

14 marzo 2018 0 Commenti Attualità , Sport 388 Visualizzazioni
L’integrazione nel ciclismo, efficace se rispettiamo i giusti equilibri

Un’assunzione ponderata di integratori alimentari favorisce l’equilibrio del nostro organismo, apportando un effetto benefico al nostro fisico.

Il ciclismo è un attività molto impegnativa, che combina allo stesso tempo, elementi di formazione anaerobici ed aereobici. Esistono in commercio numerosi integratori ciclismo alimentari che possono essere utili per migliorare le prestazioni fisiche, che permettono un recupero più veloce sia della stanchezza che della fatica.

Innanzitutto è bene sapere che, l’integrazione è un “di più” che si va assumere per aiutare il nostro corpo, e non va assolutamente a sostituire un pasto. Le sostanze più utili sono le vitamine del complesso B, gingseng e vari antiossidanti. Diverse sono le proprietà benefiche che riducono sia l’affaticamento e allo stesso tempo aumentano la resistenza muscolare, e di conseguenza anche le energie a disposizione.

Essendo quindi un’attività che richiede diversa forza fisica e resistenza, è importante che le persone che praticano questo sport cerchino di mantenere il proprio corpo in ottime condizioni. Le dosi da assumere vanno equilibrate in tre momenti pre-workout, intra-workout e post-workout.

Il principale nutriente giornaliero sono i carboidrati, in particolare quelli a basso indice glicemico, ma in caso di gare e allenamenti con particolare intensità si consiglia un pasto completo con una buona quantità di carboidrati semplici. Il piu delle volte l’atleta, avendo poco tempo a disposizione tende a consumare integratori come Maltodestrina o Aminoacidi Essenziali EAA. Non è da meno neanche l’idratazione, che può causare un decadimento della prestazione fino al 25%, ecco perché è bene aiutarsi con bevande ipotoniche, ricche di sali minerali a rapida assimilazione.

E’ comunque buona norma anche assumere oltre 0.8-0.9 grammi di proteine al giorno, e il processo che porta al rilascio dell’energia dalle proteine prende il nome di deaminazione, reazione di grande importanza per il nostro organismo in quando permettere lo smaltimento di atomi di azoto, dannosi per il nostro organismo.
La scelta dell’alimentazione va assolutamente confrontata con un nutrizionista o dietologo che potrà variare l’assunzione di integratori, in base ai dati oggettivi e alle esigenze specifiche dell’atleta.

 

A CURA DI / PRESS OFFICE
———————————–
Maria Chiara Turino – Ufficio Stampa Guest.it

Articoli correlati

0 Commenti

Ancora nessun commento!

Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Lascia un commento

Codice di verifica: